LA MAFIA COLPISCE ANCORA IN VAL SUSA

Bruciato il presidio NO TAV di Vaie
Solo 8 giorni fa la trasmissione di Santoro Servizio Pubblico aveva intervistato gli attivisti in questo presidio. Vedi l’intervista
Questo e’ il terzo presidio bruciato, le indagini delle FF.OO sugli altri presidi bruciati diversi anni fa non hanno (per ora) avuto esiti di rilievo. Così come non hanno avuto esito le indagini su automezzi dei NO TAV bruciati, danneggiamenti ripetuti a carrozzerie e taglio di decine di gomme ai mezzi degli attivisti.

1412503_10201814335353224_801025903_o
Evidentemente chi non ha ragioni ma interessi e agire mafioso non trova altro modo di esprimersi che provare ad intimidire il Movimento. Purtroppo per questi malviventi i NO TAV non arretreranno di un passo e questi attentati non fanno che rafforzare le convinzioni di chi opera da anni alla luce del sole contro la truffa mafiosa messa in atto in Valle di Susa.
Naturalmente, come sempre, il presidio verrà ricostruito, divenendo l’ennesimo simbolo di lotta alla Mafia che in questa valle ha radici profonde, culturali, civili, storiche e politiche.