L'IMPATTO AMBIENTALE


In questa pagina sono trattate le problematiche ambientali legate al TAV. Tuttavia la Valle di Susa vive tante altre situazioni di inquinamento, potete trovare informazioni su quest'ultime qui:

:  Amianto & Uranio
: Dissesto idrogeologico
:  Conseguenze opere in sotterraneo

      

Qualche osservazione a proposito di ambiente

L’inserimento nella nostra stretta valle di una nuova grandiosa opera risulta chiaramente improponibile. Un ambiente già frammentato dall’autostrada, la ferrovia, due statali, molteplici strade provinciali e comunali, acquedotti, condutture del gas, linee elettriche aeree ed interrate, canali, rii e torrenti, colline moreniche, laghi, monumenti e reperti storici un poco ovunque.

CLICCA PER INGRANDIRE
(Clicca sulla foto per ottenerne una più grande)

Se l'opera venisse costruita, la difficoltà maggiore sarebbe nel mantenimento della qualità della vita e del valore residenziale dell'area - quindi dei risparmi investiti per generazioni nelle case, scuole, ospedali, chiese, capannoni, attività economiche, coltivazioni agricole. Non si può pensare che migliaia di persone possano subire una perdita economica non adeguatamente valutata e conseguentemente indennizzata; né alcun valore affettivo, culturale, storico o paesistico può essere tradotto in denaro e indennizzato.

CLICCA PER INGRANDIRE
Riproduzione in plastico della valle di Susa
(Clicca sulla foto per ottenerne una più grande)

La modifica del paesaggio, i rischi idrogeologici, l'inquinamento acustico

I progetti presentati da Alpetunnel prevedono la produzione di smarino, estratto dalle diverse gallerie, per un volume di oltre 15 milioni di metri cubi, una montagna di inerti grande come 6 piramidi di Cheope. Nonostante i problemi emersi sulle rocce friabili "carniole" presenti sotto al massiccio d’Ambin, sulla enorme quantità d’acqua esistente all’interno della montagna, sulla presenza di sacche interne di gas, e l'alta temperatura della roccia sotto una copertura di circa 3000 metri (prevista intorno ai 45 gradi centigradi), non si hanno ripensamenti. Non si valutano le conseguenze di un abbassamento della falda all’interno delle montagne attraversate (vedi Mugello), con conseguenze impensabili per i nostri acquedotti, né alcuno studio (tra i tanti che ci dicono aver realizzato) ha preso in considerazione l’esistenza di vene di ossidi di uranio nella zona degli eventuali scavi. Che dire poi dei tempi di cantierizzazione? O del rilevato con il quale si ostruirebbe gran parte della Valle Cenischia? Ed ancora, del fatto che in bassa valle la linea è ipotizzata sospesa a mezz'aria su un viadotto alto 8/9 metri?

La sezione della linea che dovrebbe svolgersi allo scoperto è destinata a produrre problemi gravissimi di inquinamento acustico negli abitati, in alcuni casi non mitigabili; in altri, mitigabili solo con barriere più alte del treno, con le conseguenze paesaggistiche che ciascuno può immaginare.

La costruzione della linea trasformerebbe buona parte del fondo valle in un corridoio di servizio industriale. Non a caso qualcuno degli architetti al servizio dei proponenti proponeva di cogliere l'occasione per ridisegnare urbanisticamente l’intera valle. Tradotto in italiano, significa costringere migliaia di persone a spostarsi; è la soluzione Malpensa, pensata in grande.

 

La prima ferrovia ad alta capacità in una valle alpina, No grazie!

Nessuna linea con tali caratteristiche è stata finora realizzata all’interno di una vallata alpina. Nessuno studio serio esiste a proposito sulle modalità di propagazione del rumore. Indipendentemente dalla situazione particolare, i valori di emissione acustica presentati da Italferr e fatti propri da TAV per la valutazione di impatto della Milano-Bologna e della Milano-Torino sono inattendibili e edulcorati.

Visitate questo link, troverete le foto dei lavori di costruzione che devasterebbero definitivamente la Valle se la linea fosse realizzata.

 

E lo smarino della gronda?

Ma tutta quella roccia che verrebbe estratta dalle nostre montagne, dove la metteranno? Magari vicino alle nostre case?
Una risposta a queste domande è stata fornita in un documento a cura dell'Associazione Habitat.

Documento sullo smarino della gronda

 

TRA SUV E TAV CI PERDIAMO IL SOL
Riflessioni sul rapace uso del suolo e dell’energia e le conseguenze irreversibili sul clima e sul territorio
Luca Mercalli, SMI redazione Nimbus - 8 giugno 2004

Leggiamo con estremo piacere queste riflessioni di Luca Mercalli comparse da poco sul sito dell'SMI, Nimbus.

Nelle pagine redatte da Luca Mercalli, che ricordiamo a fianco di Fabio Fazio nella trasmissione TV "Che tempo che fa", viene trattato il tema del TAV (ma non solo) in maniera impeccabile. Nell'ipertesto l'opposizione al treno ad alta velocità si va ad inquadrare in un'ottica più ampia dove la scienza e il buon senso la fanno da padrone.

Vi invitiamo a leggere tutti i capitoli del mini trattato, anche quelli non strettamente connessi al TAV, ne vale veramente la pena!

Vai all'articolo


 

LA PROCURA FIORENTINA CHIEDE IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA SCOMPARSA DEI CORSI D’ACQUA NEL MUGELLO

Dagli amici di Legambiente Mugello

La Procura fiorentina poco prima di Natale ha richiesto un nuovo rinvio a giudizio sulla vicenda TAV in relazione all'inquinamento e alla scomparsa dei corsi d'acqua nel Mugello.
Il presente documento indica i dati essenziali del decreto di tre pagine pubblicato sui
quotidiani La Nazione e La Repubblica.
Nel decreto vi sono i nomi degli imputati e le persone offese: tanti cittadini del Mugello privati dell'acqua negli ultimi 4 anni.